29
MAG
Brescia Buona in Festa
  • QUANDO:
    29 maggio
    Consultare il programma
  • DOVE:
    Consultare il programma
    Consultare il programma - Brescia

La nuova iniziativa promossa da "Brescia Buona. Il gusto dell'accoglienza", rete cui aderiscono dieci cooperative sociali attive nell’ambito della ristorazione e dell’accoglienza solidale.

Cosa succederà il 29 maggio? Tutte le dimore bresciane del gusto e dell’accoglienza che aderiscono alla rete – situate un territorio vasto che va dalla città alla Valle Camonica, dalla Franciacorta alla Valle Sabbia e al lago di Garda - saranno aperte per raccontare storie di cultura, buona tavola e solidarietà attraverso visite guidate, degustazioni, concerti, laboratori di cucina per bambini e molto altro ancora.
Un programma tutto da scoprire, così come da scoprire sono le cooperative che lo
promuovono e che offrono opportunità di inserimento lavorativo e inclusione a persone con fragilità. Tutte le informazioni su Brescia Buona in Festa, incluse le modalità di iscrizione agli eventi, sono consultabili sul sito internet e sui canali social di Brescia Buona.

Nata nel dicembre 2019, per iniziativa della Fondazione ASM, come rete di cooperative sociali attive nell’ambito della ristorazione e dell’accoglienza solidale, nel 2021 “Brescia Buona. Il gusto dell’accoglienza” si è costituita in forma di associazione, con l’obiettivo di favorire la conoscenza reciproca, condividere buone prassi e sviluppare azioni di valorizzazione delle attività e dei prodotti attraverso iniziative culturali e di comunicazione. Queste le cooperative che aderiscono al progetto:

Alborea, Anemone, Big Bang, Clarabella, Co.Ge.S.S, Fraternità Impronta, La cascina di Desenzano del Garda, La Mongolfiera, La Rete - Articolo 1, La Rondine.

“Brescia Buona. Il gusto dell’accoglienza” si avvale della partnership strategica con Cieli Vibranti, che cura la programmazione culturale e le attività di comunicazione. Affidarsi alla ristorazione di una cooperativa sociale non significa solo consumare un buon pasto, è un’esperienza etica e solidale. Le cooperative che aderiscono al progetto si occupano di formare e di inserire nel mondo lavorativo della ristorazione e dell’accoglienza, attraverso l'impegno e la dedizione di altissime figure professionali del settore, persone svantaggiate: giovani e adulti con disabilità fisiche e psichiche, soggetti in trattamento per problemi psichiatrici o dipendenze, minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare, detenuti ammessi al lavoro all’esterno cui viene offerta una preziosa opportunità di formazione professionale come parte essenziale del percorso di reinserimento.
L’obiettivo che si pongono le cooperative è ambizioso. La tutela delle categorie protette è intesa come coinvolgimento attivo delle fasce più deboli della popolazione in progetti di ristorazione qualificati, proposti non come temporaneo ripiego ma come esperienze professionali in grado di proporsi al pubblico secondo standard non inferiori alla ristorazione comune. La valorizzazione di aree territoriali, quartieri e spazi pubblici è promossa nel rispetto dell’ambiente, con una speciale attenzione ai prodotti e alle ricette del territorio, è la chiave perché l’impegno delle persone nelle esperienze di ristorazione solidale si sviluppi in armonia con la comunità che le ospita. La ristorazione solidale costituisce dunque da un lato un indispensabile e troppo poco conosciuto presidio territoriale al fianco delle persone svantaggiate e delle loro famiglie, dall’altro un’esperienza imprenditoriale virtuosa e sostenibile, che produce ricchezza per il territorio senza consumarne le risorse, ma anzi moltiplicandole in uno spirito di condivisione e crescita collettiva. Analogamente, l’accoglienza solidale è una tipologia di ospitalità costruita attorno alla persona e alle sue esigenze, nel segno della condivisione di esperienze, della scoperta del territorio e del rispetto per l’ambiente. Negli ostelli e nei rifugi solidali i visitatori sanno di trovare location semplici e confortevoli e personale preparato e cordiale, in una forma di turismo consapevole che dà a persone svantaggiate l’opportunità di mettersi alla prova e crescere professionalmente e umanamente, sviluppando una sensibilità che si riverbera positivamente anche sull’utenza. Ristoranti, ostelli e luoghi di ospitalità che fanno parte della rete si dividono in “Dimore del gusto” – ristoranti e attività di catering solidale - e “Dimore dell’accoglienza” – ostelli, alberghi e rifugi solidali - valorizzando così la loro principale vocazione.

DIMORE DEL GUSTO


Cascina Parco Gallo
Via Corfù, 100 – Brescia
Cooperativa Alborea

Bar 21 grammi
Viale Italia 13b – Brescia
Cooperativa Big Bang

Bar La Residenza
Via dei Mille, 41 – Brescia
Cooperativa La Mongolfiera

Bar Trattoria Villa Glori
Via Villa Glori, 36 – Brescia
Cooperativa Anemone

Bar Villa Elisa
Via S. Polo, 2 – Brescia
Cooperativa La Mongolfiera

Bistrò Popolare
Via Industriale, 14 - Brescia
Cooperativa La Rete

CENTOTTANTA Cantina&Cucina
Via Enrico Mattei - Corte Franca
Cooperativa Cascina Clarabella

Co.Ge.S.S. Bar – Labis
Via Nazionale 97/A - Lavenone
Cooperativa Co.Ge.S.S.

Bar Co.Ge.S.Sport – non solo bar
Viale Orsolina Avanzi, 62 - Gavardo
Cooperativa Co.Ge.S.S.

Pasticceria Lievita
Via Quinta- Villaggio Sereno n. 8 – Brescia
Cooperativa La Rondine

Ristorante Pizzeria Cascina Cattafame
Via Seriola, 62 – Ospitaletto
Cooperativa Fraternità Impronta

Ristorante Pizzeria Desenzanino
Lungolago Cesare Battisti, 1 - Desenzano del Garda
Cooperativa La Cascina di Desenzano del Garda

Ristorante Il Circolino
Via S. Zeno, 83 - Desenzano del Garda
Cooperativa La Cascina di Desenzano del Garda

DIMORE DELL’ACCOGLIENZA
Rifugio Antonioli
Passo del Mortirolo - Mazzo di Valtellina
Cooperativa Anemone

Cascina Clarabella Agriturismo
Via Enrico Mattei - Corte Franca
Cooperativa Cascina Clarabella

Ostello Sociale Borgo Venno
Via Roma, 4 - Lavenone
Cooperativa Co.Ge.S.S.

Casa Maer
Via Roma, 6 - Lavenone
Cooperativa Co.Ge.S.S.

Tutte le informazioni relative al progetto e alle dimore del gusto e dell’accoglienza che hanno aderito alla rete sono consultabili sul sito internet www.bresciabuona.it, che ospita anche notizie di interesse turistico relative ai territori nei quali operano le cooperative sociali.
Per tutte le informazioni aggiornate sul progetto, si rimanda alla pagina Facebook “Brescia Buona”.



Altri eventi