Dalla macchia alla macchina
14
LUG
  • QUANDO:
    Dal 14 luglio al 8 settembre 2024
    dalle ore 9:00 alle ore 20:00 (chiusura biglietteria ore 19)
  • DOVE:
    Villa Mirabella, Vittoriale degli Italiani
    Via al Vittoriale 12 - Gardone Riviera
  • BIGLIETTI:
    Consultare il programma

Mostra antologica di Catarsini al Vittoriale degli italiani.

A poco più di 30 anni dalla sua scomparsa, il pittore e scrittore Alfredo Catarsini (Viareggio 1899-1993) è protagonista di una nuova mostra antologica negli spazi di Villa Mirabella al Vittoriale degli Italiani, dimora di Gabriele d’Annunzio a Gardone Riviera (BS) e tra le case museo più visitate al mondo.

Promossa dalla Fondazione che porta lo stesso nome dell’artista, l’esposizione si intitolerà “Il Novecento di Catarsini. Dalla macchia alla macchina” e sarà inaugurata sabato 9 marzo 2024, in occasione di “Ho coronato la saggezza oggi e acceso il gran fuoco”, festa di primavera della dimora dannunziana, organizzata dal presidente della Fondazione del Vittoriale Giordano Bruno Guerri.

Con la curatela dello storico dell’arte Rodolfo Bona e attraverso una selezione di opere che ne raccontano la lunga parabola creativa, la mostra si prefigge di presentare al pubblico l’attività di Alfredo Catarsini, artista che ha rappresentato un esempio di originalità all’interno del panorama dell’arte del Novecento e che ha saputo caratterizzarsi sia per la qualità figurativa, sia per la densità espressiva che gli sono state più volte riconosciute.

La mostra infatti propone 54 opere, fra dipinti e disegni, accuratamente scelte all’interno del vasto corpus pittorico dell’artista, così da coprire sei decenni della sua attività - tra il 1930 e il 1987 – ovvero un periodo denso di avvenimenti storici e di grandi trasformazioni, offrendo a tutti l’occasione di restituire un quadro completo e omogeneo della sua pittura, che ha seguito le metamorfosi durante gran parte del "secolo breve”.

«Il titolo della mostra – spiega Rodolfo Bona – nasce da una riflessione: nella sua vita, Catarsini ha intrapreso un percorso di ricerca creativa che, dalla robusta radice del naturalismo toscano e della pittura di macchia, lo ha portato ad attraversare molte delle esperienze figurative che hanno caratterizzato il Novecento, pervenendo a forme espressive inedite nelle quali ha affrontato il complesso tema del rapporto tra natura e tecnologia, fattosi sempre più pressante nel secondo dopoguerra e ancor oggi di grande attualità».

Biglietti: 3 percorsi (interi: 18 €, 15 €, 12 €; ridotti: 14 €, 12 €, 10 €)

 

Altri eventi